Una casa nel mondo

Stare lontane dalla propria casa per un mese può essere pesante, soprattutto quando si viaggia da un posto all’altro. Ma diventa meraviglioso quando si ha una casa in tutto il mondo.

Sono sull’aereo che mi porta all’Aia, dove parteciperò alla conferenza della Families in Global Transition. Ho un piano di viaggio molto intenso, dopo la conferenza. Approfittando del fatto che sono in Europa, andrò a trovare amici, mio figlio, e poi starò a Milano un paio di settimane. Il mio appartamento a Milano è affittato in permanenza, sarebbe troppo costoso tenerlo vuoto ad aspettare i nostri ritorni, quindi ogni volta che vado nella mia città natale, mi ospita mia cognata, in quella che ormai sento un po’ come casa.

Tornare al proprio paese dopo mesi di vita in una cultura straniera è una cosa molto forte. Per me è come lasciarmi andare a un caldo abbraccio, nel quale posso finalmente rilassarmi e smettere di preoccuparmi di non venir capita, di affrontare cose che non riesco ad afferrare, e sentire quel godimento che viene solo nel conoscere le cose a fondo. L’immagine concreta di questo abbraccio è il momento in cui entro nell’appartamento di mia cognata e trovo lei, il tavolo dove abbiamo passato ore a chiacchierare, il letto dove non riesco a dormire per il jet-lag (o dove, perlopiù, crollo distrutta dal viaggio), la connessione a internet che si avvia automaticamente nel mio computer. Lo stesso mi succede quando vado dalla mia amicona Donatella, dove sto quando non sono con mio figlio.

Ma lo stesso succede in tanti altri luoghi. Ogni volta che comincio a pianificare un viaggio, scrivo agli amici nei vari posti in cui intendo andare, per chiedere se possono ospitarmi un paio di giorni (o settimane 🙂 ). La risposta è sempre calda e accogliente, e non c’è niente che mi riempie di felicità e di un’immensa sensazione di privilegio, come il sapere che ho così tante case a cui tornare, così tanti amici sempre pronti a lasciarmi entrare nelle loro routine e a sopportare la mia presenza.

Ho una casa a Milano, Amsterdam, Parigi, Londra, Lione, Lima, in Sicilia, a Monaco, e in tanti, tanti altri posti nel mondo. Non sono troppo fortunata?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...